CENTOGRAMMI

Video installazione su schermo singolo per la campagna di comunicazione del progetto Reduce, promosso dal Ministero dell’Ambiente e realizzato dalle Università di Bologna, Viterbo, Udine e Milano.

Events

Roma Maxxi 02.01.2018 (V Giornata Nazionale di Prevenzione dello Spreco Alimentare)
Artegna, Festival Contaminazioni Digitali 6-7.07.2018

Centogrammi è la quantità di cibo che un italiano spreca, in media, ogni giorno ed è anche uno dei risultati di REDUCE, il primo censimento nazionale sul tema dello spreco alimentare. Il progetto, promosso dal Ministero dell’Ambiente e realizzato dalle Università di Milano, Bologna, Viterbo e Udine, ha una sezione dedicata alla sensibilizzazione dell’opinione pubblica che è stata sviluppando seguendo il linguaggio dell’arte. Così è nata Centogrammi, un’opera video che lancia un messaggio forte sul tema della sostenibilità.

Il pubblico entra in sala: sullo sfondo un grande schermo riproduce centinaia di flussi colorati che scorrono lentamente da un’estremità all’altra dello schermo. I flussi rappresentano il nutrimento che la Terra produce ogni giorno e che è pronto a sostenere l’uomo. Le persone si avvicinano allo schermo e appaiono, in primo piano, le loro sagome riflesse. I flussi iniziano ad entrare nei corpi degli spettatori a trasformarsi in forme astratte ed attraenti. Ci stiamo nutrendo per vivere la nostra giornata e produrre bellezza. Dopo un breve tempo, però, si formano altri tipi di forme, sgradevoli e opprimenti: qualcosa non va, stiamo accumulando cibo in eccesso, generiamo spreco e questo rovina l’equilibrio della scena.I flussi morbidi che avvolgono il nostro corpo, sono diventate opprimenti striature grigie e tutto lo schermo si sta trasformando in un’immagine opaca. Il pubblico si allontanta e a poco a poco, riappare la scena iniziale.

L’equilibrio è la chiave di lettura dell’esperienza sensoriale. Avere energia nella la “giusta” quantità è il valore da perseguire. L’abbondanza, culturalmente considerata un valore positivo, si trasforma presto, invece, in spreco.

Un’attenzione che si riverbera nel valore della “circolarità”: comprare la giusta quantità di cibo e lasciare nello scaffale il prodotto che non è necessario, vuol dire permettere che lo stesso alimento sia consumato da altri. Viceversa, comprare un prodotto e poi sprecarlo, vuol dire immettere rifiuti in circolo. Così, ogni elemento dell’installazione appare e scompare in un eterno circolo virtuoso oppure “vizioso”. Terzo ed ultimo tema dell’installazione è quello della “condivisione”: perché le problematiche dello spreco possono essere superate al meglio se discusse in gruppo. Infatti l’opera è stata creata per essere fruita da gruppi di 7-8 persone per schermo in modo vivere l’esperienza nella condivisone delle emozioni.

L’installazione Centogrammi è stata presentata in antemprima al Maxxi di roma il Primo Febbraio 2018, in occasione della quinta giornata nazionale contro lo spreco alimentare.

project coordination

Prof. Luca Falasconi, Università di Bologna
Prof. Silvio Franco, Università di Viterbo, Gruppo NOISE

PRESS

Ansa | ADN Kronos | Il Piccolo | La Nuova Ecologia | New Tuscia | Left | Take The Date | Agricoltura Oggi | qbquantobasta | il Friuli | Oggi Treviso | Notizie In Un Click | Mille Una Donna | Eco Della Città | Food Web

LINKS

Progetto Reduce

Continuando a utilizzare il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e di terze parti. Se vuoi saperne di più clicca qui. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie

Chiudi